• home-passione
  • home-preparazione
  • home-sacrificio

Tag:FP CGIL

NOTA SINDACALE UNITARIA

Con una nota unitaria i Segretari Nazionali di FP CGIL VVF, UILPA VVF e FNS CISL VVF, hanno quest’oggi richiesto al Presidente del Consiglio dei Ministri Conte ed al Ministro dell’Interno Lamorgese, di rivedere la decisione presa attraverso DL 9/2020.

Nelle more del DL 9/2020 che riporta tutti i provvedimenti di carattere economico a contrasto del dilagare del COVID19, all’art. 36 comma d, viene indicato il prelievo di importi oggi destinati alle assunzioni nella Pubblica Amministrazione, fondi anche destinati alle assunzioni del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. 

I Segretari Nazionali hanno così sottolineato l’inopportunità di tale provvedimento, soprattutto in un momento difficile e complesso come quello che stiamo vivendo.

Con il presente comunicato, il Direttivo del Comitato Idonei VVF 250 – DM 676/2016, vuole ringraziare i “Confederali” per aver subito fatto propria la nostra preoccupazione, che nelle ore subito successive all’emanazione del DL, abbiamo rappresentato ai nostri interlocutori sindacali.

Pur consci che si parla di poche decine di unità, confidiamo in un rapido ravvedimento da parte del Governo, su quello che a nostro modo di vedere, andrà ad indebolire il dispositivo di soccorso.

#Forza250

Clicca qui per leggere la nota sindacale



MANIFESTAZIONI SINDACATI CONFEDERALI VIGILI DEL FUOCO

Nella giornata odierna, due delegazioni di Comitato idonei VVF 250 – D.M. 676/2016, hanno partecipato alla giornata di mobilitazione indetta da FP CGIL, FNS CISL e UILPA.

La nostra presenza è stata utile per consolidare ulteriormente i rapporti che intratteniamo da mesi con i massimi rappresentanti delle succitate sigle sindacali, i quali hanno espresso appezzamento per la nostra presenza alle manifestazioni. Le richieste dei confederali sono state le seguenti:

  • una valorizzazione effettiva dal punto di vista retributivo e previdenziale del lavoro, unico ed insostituibile, dei Vigili del Fuoco;
  • una maggior tutela e garanzia degli infortuni e delle malattie professionali tipiche del lavoro dei Vigili del Fuoco;
  • un riconoscimento reale della specificità e dell’alta professionalità dei Vigili del Fuoco;
  • risorse adeguate per il rinnovo del contratto di lavoro;
  • potenziamento degli organici del Corpo Nazionale finalizzato a diffondere il servizio sul territorio e a tutela della sicurezza dei Vigili del Fuoco.

Le nostre rappresentanze sono state presenti a Roma – Piazza Montecitorio ed a Genova – Prefettura.  Un ringraziamento ai membri del Direttivo, ai soci operativi ed agli idonei intervenuti.



INCONTRO TRA IL PREMIER GIUSEPPE CONTE ED I SINDACATI VVF

Nella serata di ieri si è tenuto un’importante incontro istituzionale alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, il Capo Dipartimento Salvatore Mulas, del Capo del Corpo Nazionale Fabio Dattilo e tutti i rappresentanti nazionali delle sigle sindacali rappresentative dei Vigili del Fuoco.

I temi di discussione sono stati moltissimi e tutte le sigle sindacali hanno ribadito le necessità del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco, dall’equiparazione stipendiale alla copertura assistenziale, passando dalla vetustà del parco mezzi, sino ad arrivare all’età media troppo elevata del personale operativo.

Su quest’ultimo tema, a noi particolarmente caro, il sindacato autonomo CONAPO, ha sottolineato l’esigenza di procedere ad assunzioni di personale, per i ruoli operativi, “giovanissimo”.

I rappresentanti di FP CGIL, hanno puntualmente sostenuto la nostra procedura, sottoponendo al Premier ed a tutti i presenti il seguente passaggio, che riportiamo fedelmente dal documento consegnato nelle mani del Ministro Lamorgese: “É necessario avviare un piano occupazionale adeguato, anche di prospettiva quinquennale, confermando la modalità attuale garantita dai concorsi nazionali modificandone però i criteri di accesso, più confacenti alle necessità del Corpo, che tengano conto delle criticità presenti sul territorio e che permettano di colmare definitivamente le carenze nel Nord Italia agevolandone la progressione in carriera in quelle regioni.
A questo proposito vi è la necessità di abbassare l’età media del Corpo Nazionale che oggi raggiunge i 47 anni, portando la dotazione organica del personale operativo ad almeno 40 mila unità e di rispondere concretamente anche alle esigenze amministrative ed informatiche del Dipartimento assumendo le figure professionali necessarie, rafforzando l’autonomia gestionale del Corpo anche dal punto di vista amministrativo. Il rapido esaurimento della graduatoria del concorso a 250 posti nella qualifica di vigile del fuoco bandito nel 2016, sarebbe una prima risposta al problema.”

Il Direttivo, coglie l’occasione per ringraziare tutti coloro che prenderanno a cuore la nostra procedura, dimostrando nei fatti, di volersi spendere per far si che l’ESAURIMENTO DELLA GRADUATORIA DEL CONCORSO A 250 POSTI, diventi realtà nei tempi più rapidi possibili.

#Forza250