• home-passione
  • home-preparazione
  • home-sacrificio

Archivio mensile:Gennaio, 2020

Il Comitato incontro il M5S a Reggio Calabria

Nella serata di ieri, in concomitanza degli eventi legati alle elezioni regionali calabresi, il socio Marco Grimaldi, ha avuto la possibilità di avvicinare e informare delle dinamiche legate al Concorso pubblico VVF 250, il Senatore Danilo Toninelli ed il Deputato Stefano Buffagni del Movimento 5 Stelle.

Marco è riuscito a spiegare tutta la cronistoria della nostra procedura ed ha consegnato il nostro dossier, nelle mani di Toninelli. Il Deputato Buffagni ha inoltre dedicato un passaggio del suo intervento dal palco a Marco ed a tutti i 250, impegnandosi poi a scrivere direttamente al Sottosegratario Sibilia.

Il Direttivo è grato a Marco ed a tutti coloro che, con queste iniziative preventivamente concordate, riescono nel non semplice obbiettivo di raggiungere Onorevoli e Senatori per sensibilizzarli sui temi a noi cari.

Grazie per l’impegno! 



IL COMITATO 250 INCONTRA I VERTICI DI UIL PA VVF

In data 13/01/2020 i soci operativi Francesco Serafino e Simone Grimaldi, hanno avuto un incontro informale con il presidente della Uil PA VVF Renato Mandile.

L’occasione è stata utile per presentare il lavoro svolto in questi mesi dal nostro Comitato ed approfondire quello che riserverà il prossimo futuro alla nostra procedura, in merito alle assunzioni ed alle relative percentuali di ripartizione tra le graduatorie attive.

Quest’anno sarà quindi organizzato suddiviso in 3 corsi A.V.V.F.:
• l’89° da 710 unità in partenza tra fine aprile e i primi di maggio (Assunzioni straordinarie -> ripartizione 70/30)
• Il 90° da 383 unità in partenza i primi di ottobre (Assunzioni straordinarie -> ripartizione 70/30)
• Il 91° a dicembre, di cui verranno indicate le unità a seguito della definizione del turnover 2020 (Assunzioni ordinarie/cessazioni -> ripartizione 100/0)

Abbiamo inoltre, ricevuto rassicurazioni sulla volontà di portare ad esaurimento in tempi rapidi (presumibilmente 2023) la nostra graduatoria, mantenendo inalterate le percentuali sul turnover e sulle assunzioni straordinarie, come anche confermato dalla legge di bilancio 2020.

In merito ai nuovi criteri di accesso al Corpo Nazionale ed ai limiti di età (26 anni per i civili e 37 per i volontari/discontinui), ci è stato confermato che verranno applicati dal prossimo concorso. Abbiamo infine sottolineato la necessità di lavorare a testa bassa già in ottica 2021/2022, in modo da riuscire a far stanziare nuove assunzioni straordinarie, assunzioni quest’ultime che potrebbero sommarsi al piano straordinario del triennio in corso e che potrebbero dare una concreta risposta alla carenza congenita di 3000 unità extra turnover. Tutto questo porterebbe di conseguenza, ad uno scorrimento più celere della nostra graduatoria.

Discorso a parte è invece quello inerente le visite mediche. In data odierna l’Amministrazione ha pubblicato la data di convocazione dei 422 recuperi inerenti i candidati alla procedura speciale di reclutamento, che avevano rinviato le prima convocazione nel 2019. E’ verosimile quindi che, le convocazioni inerenti il Concorso 250, avvengano a cavallo tra i mesi di febbraio e marzo p.v.

Con il presente comunicato ci tenevamo a ringraziare sentitamente Renato Mandile e la segreteria nazionale della UIL PA VVF per averci dato questa preziosa opportunità di confronto e per averci fornito importanti rassicurazioni. Siamo sicuri che non mancheranno altre occasioni di confronto con questi importanti interlocutori.

Il Direttivo



Ulteriori chiarimenti sulla legge di stabilità

Carissimi #250

pubblichiamo due video che fanno chiarezza su quanto contenuto nella legge di stabilità appena approvata.

 

Nel secondo video nello specifico si indica che in mancanza di una nuova graduatoria per l’accesso alla qualifica di Vigile del Fuoco, derivata da un concorso pubblico dedicato all’accesso dall’esterno, che sostituirebbe l’attuale graduatoria in vigore del Concorso 250, nessuna nuova immissione al ruolo da graduatoria proveniente da procedure speciali sarebbe possibile, in virtù del principio costituzionale di adeguato accesso dall’esterno nella Pubblica Amministrazione.